48ESIMA MOSTRA MERCATO NAZIONALE DEL TARTUFO BIANCO DI SAN MINIATO

Nov 02 2018

48ESIMA MOSTRA MERCATO NAZIONALE DEL TARTUFO BIANCO DI SAN MINIATO

 200 produttori di qualità, eventi e buon vivere dal 10 al 25 novembre. Fa ancora parlare il tartufo di San Miniato donato a Cristiano Ronaldo

________________________________________________________________________

Sono più di duecento i produttori di qualità in un percorso enogastronomico lungo più di due chilometri, corredati da oltre cento eventi, che fanno da cornice a San Miniato (Pisa) al tartufo bianco. L’incantevole città medievale a misura d’uomo dove il buon vivere passa attraverso la cucina e la gastronomia diventa il più importante laboratorio del gusto a cielo aperto d’Italia. Un vasto territorio che comprende più di trenta comuni della Toscana centrale sono l’areale tipico dove cresce il Tuber Magnatum Pico, una zona storicamente ad alta vocazione tartufigena quella sanminiatese (un quinto della produzione di bianco pregiato italiano si raccoglie in questa zona) che dal 1954 detiene il record del tartufo più grosso del mondo trovato con un peso di 2,520 kg.

Il tartufo di San Miniato ogni anno cattura l’attenzione di un pubblico sempre più vasto (sono attesi alla 48° Mostra Mercato Nazionale che si svolgerà nei week end 10-11, 17-18 e 24-25 novembre 2018 oltre sessantamila visitatori) ed è diventato un vero e proprio portafortuna per coloro che lo ricevono in dono dalla città. E’ infatti lunghissimo l’elenco destinato ogni anno a crescere dei personaggi noti del mondo dello sport, dello spettacolo, della cultura, della gastronomia e della politica che sono stati gli “ambasciatori del tartufo di San Miniato” e nelle scorse settimane si è arricchito con i calciatori della Juventus Cristiano Ronaldo (invitato alla manifestazione) e Pjanic, l’allenatore della Fiorentina Stefano Pioli, lo show-man televisivo Paolo Bonolis. Tutto è stato raccolto in una pubblicazione che sarà presentata, insieme al primo ricettario del tartufo bianco di San Miniato sabato 10 novembre e che di fatto, inaugurerà la manifestazione; al taglio del nastro seguirà un brindisi con il Prosecco, tappa di un percorso di valorizzazione dei prodotti di punta delle città di San Miniato e di Cappella Maggiore (Tv) legate dal 2015 da un patto di amicizia.

Tantissimi gli eventi enogastronomici concentrati sull’ “Officina del Tartufo” che vedono protagonisti gli chef noti e stellati che propongono, in un vero e proprio laboratorio del gusto, le novità gastronomiche e i nuovi piatti con il tartufo bianco. Nell’occasione sarà presentata la “Via del tartufo”: un percorso che unisce sul territorio i luoghi, i punti di ristorazione, l’accoglienza e il commercio del tartufo.

 

 

 

La Mostra Mercato Nazionale sarà la prima festa del tartufo ecosostenibile in Italia e si caratterizzerà per una particolare spinta ambientalista. Plastica free, azioni virtuose per ridurre al minimo l’impatto ambientale, raccolta differenziata stand by stand, arredi realizzati con materiali di riuso o biodegradabili, proposte di mobilità sostenibile, animazione con giochi ecosostenibili per bambini. Sono solo alcune delle azioni che cambieranno il volto della manifestazione.

Si tratta della tappa di un percorso che ha visto negli anni un investimento in termini di azioni e di comunicazione per sottolineare l’equilibrio che si è creato sul territorio di San Miniato dove convivono attività impattanti come quelle conciarie e frutti della terra come il tartufo, vero e proprio indicatore biologico di qualità. Una sinergia tra i vari attori presenti sul territorio garantisce un’attenzione particolare a tutte quelle che sono le tematiche ambientali.

In questo contesto si inserisce la giornata (sabato 17 novembre) dedicata ai presepi, una nuova forma di turismo sostenibile con la presentazione nazionale di Terre di Presepi e il primo corteo dei presepi viventi. E nell’occasione sarà presentata una novità: un nuovo personaggio del presepe realizzato in gesso, secondo l’antica tradizione dei figurinai toscani e che rappresenterà il tartufaio con il proprio cane.

Ricca la pagina culturale con una finestra aperta su Leonardo da Vinci, le opere della fondazione Henraux che creano un percorso artistico nella città, la prima edizione del premio cinematografico dedicato a Vittorio Taviani, il teatro, la musica e lo spettacolo.
Il borsino del tartufo al 31 ottobre vede una quotazione di circa 2000 euro al kg.

Per gli aggiornamenti del programma: www.sanminiatopromozione.it

programma