Calestano

  • CAL_01

Descrizione

Descrizione

Natura, storia e sapori…a due passi dalla città!

Il territorio di calestano, ricco di boschi, prati e scenari naturali possiede un ricca rete sentieristica sia per l’escursionismo pedonale che per la MTB. Conserva inoltre gran parte degli originali paesaggi architettonici sia nel capoluogo che nelle frazioni. Facilmente raggiungibile dalla città di Parma dalla quale dista soli 32 km, rappresenta la meta perfetta sia per una gita fuori porta che per un soggiorno più lungo.

Il Borgo storico e le Frazioni

Quattro passi nella storia

La zona di Calestano, abitata fin dall’epoca preistorica, è stata oggetto di importanti ritrovamenti archeologici mentre l’origine del suo Borgo risale presumibilmente al Medioevo.

Percorrendo le vie dell’antico borgo si possono numerosi scorci di grande interesse:

è infatti ancora ben riconoscibile la parte più antica dell’abitato costituita da case in pietra e strade lastricate. La Chiesa dedicata a San Lorenzo, patrono del paese è di fondazione medievale ed oggi ammirabile nella sua veste settecentesca, la bastia fortificata risalente al XV secolo e l’attigua piazza coronata di antichi edifici, il settecentesco palazzo Coruzzi si raggiungono attraverso un itinerario che si dispiega tra vicoli, passaggi voltati e porticati di suggestiva bellezza.

La località Castello di Ravarano conserva l’impianto di origine medievale e un borgo parzialmente recuperato con le tipiche case in sasso.

Il Castello che lo sovrasta è un edificio fortificato costruito intorno all’anno Mille e collocato in posizione dominante sulla valle Baganza.

La frazione di Iano è nota per la presenza delle piccole grotte di tufo situate a breve distanza dall’abitato, ma anche per il suggestivo oratorio collocato su un piccolo dosso in posizione isolata. L’edificio attuale del XVII secolo sorge su un edificio medievale (citato nel 1230), secondo alcuni autori sorto a sua volta su un luogo di culto di epoca romana, dedicato a Giano, da cui deriverebbe il toponimo della frazione, dal suffisso comunque riconducibile ai primi anni dell’era cristiana.

Nella frazione di Marzolara la vecchia stazione del tramvai risalente ai primi anni del Novecento è ora restaurata e sede di un esercizio commerciale.

Mountain Bike

Pedalare nella terra del Tartufo

Il territorio di Calestano offre al visitatore uno splendido contesto naturale che è possibile godere ed esplorare grazie alla presenza della Ciclopista Mountain Bike che solca il territorio dal capoluogo alle frazioni.

Nella media Val Baganza infatti, pedalare nella terra del tartufo, permette di immergersi nei boschi di pino silvestre, querce, carpini e faggi e rapidamente, di essere sorpresi da scorci suggestivi di borghi magnificamente recuperati.

Trekking

Camminare nella terra del Tartufo

Il territorio di Calestano offre al visitatore uno splendido contesto naturale che è possibile godere ed esplorare grazie alla presenza di una fitta rete sentieristica (assai nota La via degli scalpellini e i Salti del Diavolo).

Nella media Val Baganza infatti, camminare nella terra del tartufo, permette di immergersi nei boschi di pino silvestre, querce, carpini e faggi e rapidamente, di essere sorpresi da scorci suggestivi di borghi magnificamente recuperati.

Nei mesi primaverili protagonista è la fioritura di varie specie di orchidee selvatiche, anemoni, ellebori e saponaria, in autunno i cromatismi del giallo, arancio e rosso di cui si tingono i boschi, in estate il sollievo di brezza fresca mentre la città è attanagliata dalla calura e in inverno la soffice coltre di neve che mette a riposo la natura e fa calzare ciaspole agli escursionisti.

Esplorando questo territorio, è frequente osservare animali selvatici come caprioli e cinghiali. I più fortunati potranno incontrare un esemplare di grosso e maestoso cervo e chi non dimenticherà ogni tanto di alzare la testa verso il cielo, potrà esser sorpreso dal volo di una poiana, di un gheppio o di uno sparviero.

La Via degli Scalpellini e i salti del Diavolo

Il sentiero escursionistico “La Via degli Scalpellini” (contrassegnato dal segnavia C.A.I. 771), si sviluppa a ridosso delle emergenze dei Salti del Diavolo tra prati e vasti boschi di cerro, carpino e faggio. Esso collega gli opposti versanti della Val Baganza ripercorrendo il tracciato seguito, fino agli anni ’50 del secolo scorso, dagli scalpellini locali per raggiungere i luoghi di estrazione della pietra disseminati lungo la dorsale. L’attraversamento del Torrente Baganza è garantito tutto l’anno da una nuova passerella pedonale sospesa, dalla quale è possibile godere di una magnifica vista sull’affioramento dei Salti che emerge come una barriera dal letto del Torrente. Lungo il percorso alcuni tabelloni informativi illustrano con testi, grafici e fotografie, le emergenze geologiche e le modalità di lavorazione della pietra seguendo il filo di un unico racconto in cui il tempo breve dell’uomo si intreccia inestricabilmente con il tempo lungo, lunghissimo della natura. Il sentiero presenta due punti di partenza attrezzati nei paesi di Cassio e di Chiastre e può essere percorso indifferentemente in entrambi i sensi. In prossimità dell’abitato di Cassio, la Via degli Scalpellini si innesta sulla Via Franchigena, un’asse escursionistico di rilevanza europea che ricalca l’omonima strada utilizzata nel Medioevo dai pellegrini provenienti dall’Inghilterra e dalla Francia per raggiungere Roma.

I salti del Diavolo e gli Scalpellini

I Salti del Diavolo sono l’emergenza di una formazione sedimentaria di età cretacica (80-82 milioni di anni) che si estende dal Monferrato all’Appennino modenese e che trova nella media Val Baganza uno dei più significativi e spettacolari affioramenti. Qui i Salti si presentano come un allineamento, lungo circa 5 km, di strette guglie e pareti rocciose che emergono in modo brusco ed improvviso elevandosi per alcune decine di metri rispetto al terreno circostante. Lo spettacolare affioramento è diretta conseguenza della giacitura subverticale della formazione e dell’azione nel tempo dell’erosione differenziata. Dal punto di vista sedimentario, i Salti del Diavolo sono costituiti da una successione a granulometria decrescente di conglomerati ed arenarie derivanti dalla disgregazione di rocce eterogenee provenienti da un’antica catena  montuosa ora scomparsa. La compatta arenaria sommitale dei Salti del Diavolo, chiamata localmente “mass ladèin”, è stata sfruttata fin dal medioevo dagli scalpellini del luogo per realizzare sculture ed elementi architettonici di pregio (portali, fontane, camini) che ancora oggi adornano le case e i borghi della Val Baganza e le pievi romaniche collocate lungo la Via Franchigena. Tra gli esempi più significativi di arte sacra vanno annoverati la lunetta della Pieve di Talignano (XIII sec.) e i portali della Pieve di Fornovo e del Duomo di Berceto (XII sec.). L’etimo alquanto evocativo dei Salti del Diavolo è da ricondurre ad una leggenda valligiana che vede in questi scoscesi speroni di roccia le tracce lasciate dalla fuga precipitosa del diavolo alla vista di una piccola croce ostentata da un santo eremita locale.

L’Itinerario del Monte Scaletta

L’Itinerario del Monte Scaletta (Sentiero n. 770) è un percorso escursionistico adatto a tutti i camminatori perchè poco impegnativo per durata, dislivello e tipologia di fondo.

Raggiunta in auto la località Castello di Ravarano è possibile parcheggiare nella piazzola di sosta che si trova sulla destra poco dopo il Castello.

L’itinerario ad anello si sviluppa quasi interamente su strada carrareccia a mezza costa del Monte Scaletta e si inoltra da subito nel bosco caratterizzato da alberi e arbusti tipici della media valle.

Dopo circa un quarto d’ora di cammino si offre al camminatore una splendida veduta sulla Valle Baganza e sulla dorsale dei Salti del Diavolo e successivamente sulla frazione di Chiastre.

Il percorso, assai piacevole particolarmente il mattino perchè al riparo del sole è collegatoanche alla Via degli Scalpellini attraverso una deviazione (Sentiero 770 a). La biforcazione è ben visibile e si incontra in una radura erbosa poco prima di raggiungere San Biagio, piccolo gruppo di case abbandonato da tempo al quale da il benvenuto un antico noce.

Lasciando la biforcazione sulla destra, proseguendo per l’itinerario ad anello e superando San Biagio si raggiungerà un’altra deviazione con indicazione Monte Scaletta sulla sinistra, circa trenta minuti di ripida salita verso la vetta dove si potrà ammirare una suggestiva vista sulla vallata. Il percorso ad anello manterrà invece un dislivello minimo raggiungendo in fine il punto di partenza nei pressi del Castello.

Il Castello di Ravarano

Edificio fortificato, il cui nucleo originario fu costruito intorno all’anno Mille, è collocato in posizione dominante sulla valle. Attualmente di proprietà privata, opportunamente restaurato negli ultimi decenni, il castello di Ravarano è abbastanza ben  conservato.

Il portale d’accesso si apre sull’unico lato facilmente accessibile, quello a monte, ed immette in un severo cortile con una bella vera da pozzo seicentesca con lo stemma dei Pallavicino.

Due corpi di fabbrica chiudono ai lati il cortile e si collegano ad una bella torre quadrata a picco sul Baganza, dove erano le prigioni del feudo.

Sono da segnalare alcuni bei portali in arenaria elegantemente scolpita, ma tutti databili al XVII secolo.

Flora e Fauna

L’intero percorso offre al visitatore una vasta varietà di specie arboree e floreali. Tra gli alberi al altro fusto troveremo querce, carpini e faggi, tra gli arbusti maggiociondolo, ginepro, siepi di prugnolo, rosa canina e viburno tra le specie floreali potremo ammirare numerose varietà di orchidee selvatiche e anemoni oltre a ellebori e saponaria.

Tra i mammiferi di grandi dimensioni è frequente imbattersi in caprioli e cinghiali, ma sono presenti anche alcuni esemplari del grosso ed elegante cervo. Tra i predatori diffuse volpi, donnole e faine e di recente sono ricomparsi i lupi. Diffusi inoltre ghiri e scoiattoli e tra i volatili non è raro vedere sorvolare la vallata da poiana, gheppio, biancone e sparviero.

I Salti del Diavolo

L’Itinerario del Monte Scaletta offre alcuni scorci spettacolari sulla dorsale dei Salti del Diavolo, caratteristici affioramenti rocciosi dall’aspetto di bastione rettilineo con guglie di roccia, torrioni e creste dentellate, che tagliano trasversalmente la vallata partendo all’altezza di Chiastre fino a raggiungere Cassio sulla sponda sinistra del Torrente Baganza.

La leggenda popolare narra che i Salti del Diavolo siano le orme del diavolo messo in fuga da un eremita abitante in questa vallata!

Per quanto riguarda la presa visione della cartina dell’itinerario del Monte Scaletta si rimanda alla consultazione del sito del Comune di Calestano: www.comune.calestano.pr.it, alla sezione “Territorio e Turismo – Cosa vedere”.

Entro l’estate 2013 verrà ultimata, intorno al capoluogo, la segnatura di un itinerario ricco e suggestivo per natura e storia. Quando il percorso sarà fruibile ne verrà fornita adeguata illustrazione.

Contatti

Contatti

Location

Calestano
Get directions

Contact

Calestano
  • By admin
  • Email: arellini@gmail.com
[contact-form-7 404 "Not Found"]