San Miniato

Descrizione

Descrizione

San Miniato si trova nel cuore della Toscana a 140 metri sul livello del mare. Le origini risalgono all’epoca etrusco-romana. Il nucleo originario della città è dell’VIII secolo a.c. quando i Longobardi edificano una chiesa dedicata al martire San Miniato. Ottone I di Sassonia nel 962 fa della città uno dei centri dell’amministrazione imperiale grazie alla costruzione del castello. Dopo il declinare della potenza sveva San Miniato diventa libero comune. Nel XIV secolo d.c. è sottomessa alla signoria fiorentina. Nella metà XVII secolo Maria Magdalena d’Austria, moglie di Cosimo dei Medici, ne eredita il governo. Grazie a lei la città forma una propria diocesi e diventa sede vescovile nel 1622. I sanminiatesi, riconoscenti, decidono di innalzarle una statua poi distrutta nel 1799 da una rivolta giacobina. È forte lo sviluppo della città, tra il 1804 e il 1814, sotto il potere francese con Napoleone Bonaparte. Da vedere a San Miniato il Duomo, ricordato anche per la strage avvenuta durante la liberazione dal nazismo, i palazzi vescovile, comunale, dei vicari, il campanile, la torre di Federico II, il convento di san Francesco e quello di san Domenico con la chiesa dei santi Iacopo e Lucia. Oltre che arte e storia, San Miniato custodisce un pregiato prodotto della terra, il tartufo. Il tartufo bianco delle colline sanminiatesi è il Tuber Magnatum Pico, ‘Cibo dei Re’, che si trova, a pochi centimetri di profondità, in un numero limitato di aree predilette dalla natura. Tra queste quella di San Miniato detiene una serie di primati come il ritrovamento del tartufo più grande, di 2.520 grammi, donato nel 1954 al presidente americano Truman. Ma suo è anche un primato di qualità, dovuto non solo alla fertilità dei boschi e al rispetto per l’ambiente con cui avviene la raccolta. Regolato da un severo disciplinare e da una legge regionale che ne definisce modalità di raccolta e commercializzazione, il tartufo bianco di San Miniato popola le tavole dei migliori ristoranti. Con moderazione e selettività giacché breve è la stagione (ottobre, novembre e dicembre) e limitata la produzione.

Manifestazioni:
I giorni del Tartufo mostra mercato del Tartufo Marzolo a Cigoli nel terzo week end di marzo
La Notte Nera festeggia il tartufo nero nella metà di giugno
Festa del Tartufo Bianco a La Serra nell’ultimo week end di settembre
Fiera Mercato del Tartufo Bianco a Corazzano nel primo week end di ottobre
Festa del Tartufo di Balconevisi nel terzo week end di ottobre
Sagra del Tartufo Bianco ultimo weekend di ottobre a Ponte a Egola
Sagra del Tartufo bianco il primo week end di novembre a San Miniato Basso
Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato negli ultimi tre fine settimana di novembre e il primodi dicembre.

Ricette:
Uovo al tegamino con Tartufo Bianco di San Miniato
Mallegato in padella (il malegato è un insaccato ricavato dal sague del maiale con aggiunta di pinoli e uvetta Presidio Slow Food)
Pappa al pomodoro
Stracotto alla Sanminiatese

Luoghi di Interesse naturalistico: 
Boschi di Germagnana e Montalto
Lago di Roffia
La valle dell’Egola
La valle del Chiecina

Contatti

Contatti

Location

San Miniato
Get directions

Contact

San Miniato
  • By admin
  • Email: redazione@avinews.it
[contact-form-7 404 "Not Found"]