Viano

Descrizione

Descrizione

Il territorio di Viano, probabilmente sede di popoli preistorici (Liguri e Umbri), e più tardi di colonie Etrusche e Galle, solo in età barbarica emerge a livello della documentazione storica in relazione con i processi di colonizzazione della collina e della montagna intrapresi dalle popolazioni della pianura emiliana in cerca di luoghi sicuri dalle scorrerie germaniche.

Tuttavia è il Querciolese la zona del territorio di Viano di cui si hanno maggiori notizie storiche. Il castello di Querciola, costruito alla fine dell’ottavo secolo dal Vescovo di Reggio come rifugio temporaneo dalle numerose scorrerie barbariche di quegli anni (Ungari, Galli, Germani) e diventato successivamente sede vescovile estiva, è menzionato in numerosi documenti conservati negli archivi storici reggiani. Del Castello rimangono comunque oggi modestissimi resti dei muri di cinta.
Per investitura del Vescovo di Reggio, il Querciola, precedentemente dominicano vescovile, nel tredicesimo secolo viene infeudato alla potente famiglia dei Fogliani, che lo tengono sino al diciannovesimo secolo, insieme a Viano che, già parrocchia dal dodicesimo secolo, da questo momento diventa circoscrizione civile.

Il castello di Viano, di origine incerta e comunque posteriore al 1000, divento il nuovo e più importante centro amministrativo del territorio e, attraverso alterne vicende, rimane n possesso di Fogliani sino alla fine del sedicesimo secolo. Vi si trovava l’antica chiesa di S.Salvatore, probabilmente esistente nel 1187 e rovinata nel 1582, il castello era posseduto dai Fogliani già nel 1335, secondo l’Artioli una lapide proveniente dal Castello riporta la sua costruzione a poco dopo il 1370.
Nel 1426 Viano si sottomise agli Estensi, ma fu riconfermata ai Fogliani dal Marchese Nicolò III (1433) insieme al castello di Piagna. Rimarrà ai Fogliani fino al 1589; a tale epoca la rocca si presenta in cattive condizioni e parte in rovina. Nel 1596 ne è infeudato il conte Pompeo Aldrovandi di Bologna ai cui discendenti Aldrovandi Marescotti rimase fino alla abolizione dei feudi. Un diroccamento nella muraglia è segnalato nel 1793. sopo un periodo di abbandono è stato restaurato negli anni ’70 dal proprietario di allora Dott. Eusebio Corti. La torre di Guardia del castello è di proprietà comunale.

Sono stati ritrovati nel territorio comunale e più precisamente nella zona di Regnano alcuni resti che risalgono alla preistoria (c.a. 1000/1200 A.C.): le Terramare del Castetto. In questo scavo è stato reperito un cerbiatto di bronzo che è il secondo reperto bronzeo di quel periodo ritrovato nella zona di Reggio.

I numerosi altri ritrovamenti sono conservati in un’ala del Museo Civico di Reggio.

Contatti

Contatti

Location

Viano
Get directions

Contact

Viano
  • By admin
  • Email: redazione@avinews.it
[contact-form-7 404 "Not Found"]